Il KC 767A è una variante del modello commerciale B 767-200ER (Extended range), il 767 è un bimotore a reazione progettato e costruito per il trasporto civile dall’azienda statunitense Boeing Commercial Aircraft. Con oltre 1000 esemplari costruiti nelle versioni 200, 300 e 400 l’aeromobile è caratterizzato da una fusoliera larga (Widebody) ed ala bassa, da una disposizione interna spaziosa e comoda, un basso consumo di combustibile, un ottima flessibilità operativa, un livello acustico interno non elevato e di un avionica completamente digitale. La progettazione risale alla fine degli anni settanta, mentre la produzione è iniziata nel 1981, il B 767 è stato progettato con la stessa configurazione della cabina di pilotaggio del più piccolo B 757. 
In ambito militare il velivolo è stato scelto come vettore per il rifornimento in volo e il trasporto strategico dalla forza aerea dell’Italia, del Giappone e degli Stati Uniti, la versione per l’USAF sarà denominata KC 46-2C, quest’ultima sarà caratterizzata da una cabina di pilotaggio con molti componenti del B 787 Dreamliner e dal medesimo Flying Boom (fly-by-wire) del KC 10A, i previsti 179 esemplari americani andranno a sostituire tutti i KC 135 in servizio.  
I quattro KC 767A in servizio presso il 14° Stormo possono essere utilizzati nel medesimo tempo come vettore per il rifornimento in volo che come vettori per il trasporto di merci e personale, la configurazione interna può essere variata in base alle esigenze operative in poche ore di lavoro.
Per quanto riguarda la capacità di trasporto l’aeromobile può essere allestito in tre diverse configurazioni: 
-Combi, in questa versione si possono imbarcare fino a 100 passeggeri più dieci pallets 463L sul ponte principale, nella stiva inferiore trovano posto tre pallets 463L più tre LD4, oppure un totale di nove LD4, il peso massimo raggiungibile per questa versione è stabilito in 55.000 libbre. 
-Full Pax si possono imbarcare fino a 200 passeggeri nel ponte principale, mentre nella stiva inferiore si possono imbarcare tre pallets 463L più tre LD4, oppure un totale di nove LD4, per un totale massimo di 50.000 libbre. 
-Full Cargo si possono imbarcare un totale di 19 pallets 463L se posizionati “side by side” sulle fiancate laterali, oppure dieci 463L su di un'unica fila centrale “centerline”, la capacità della stiva inferiore rimane invariata rispetto alle precedenti configurazioni, sale però a 64.000 libbre il peso totale. 
Per quanto riguarda invece le capacità come Tanker il 767 è in grado di rifornire tutte le tipologie di velivoli esistenti, e di essere rifornito a sua volta.
Click on the small images to enlarge 
KC 767A AM 1
KC 767A AM 2
KC 767A AM 3
KC 767A AM 4
KC 767A AM 5
KC 767A AM 6
KC 767A AM 7
KC 767A AM 8
l velivolo è predisposto con quattro punti di rifornimento (multipoint), tre del tipo a cestello, per questa tipologia di rifornimento il velivolo ricevente deve essere predisposto con una sonda esterna che si aggancia al cestello, e una ad asta rigida che invece viene inserita tramite il boomer nel ricettacolo presente su alcune tipologie di aeromobili, i KC 767 possono rifornire simultaneamente solo con i pod subalari.   
Tramite il sistema di rifornimento High Speed Flying Boom (Asta rigida) si può rifornire un solo velivolo per volta trasferendo carburante fino ad un massimo di 4.091 litri al minuto 
Leggermente arretrato rispetto all’ARB (Aerial Refueling Boom) è presente un punto di rifornimento Hose-and-Drogue, da dove si può rifornire un solo velivolo per volta trasferendo carburante fino a 2.727 litri al minuto. 
Infine ci sono i due pod subalari sempre di tipo a cestello (Hose-and-Drogue) dove invece si possono rifornire due velivoli contemporaneamente trasferendo ad ognuno un massimo di 1.818 litri al minuto. 
Il KC 767A è in grado di essere rifornito (receiver) a sua volta tramite l’UARRSI (Universal Aerial Refueling Receptacle Slipway Installation) posto sopra la cabina di pilotaggio, in questo caso può essere usata solo la sonda rigida per effettuare il travaso di carburante. 
Il rifornimento in volo viene gestito tramite una postazione collocata subito dietro la cabina di pilotaggio denominata RARO II (Remote Aerial Refueling Operator Station), la stazione è composta da due postazioni, una principale dove trova posto il boomer, mentre l’altra può essere utilizzata indistintamente da un altro boomer, molto apprezzata in caso di missioni particolarmente lunghe, oppure può essere utilizzata da un istruttore per le missioni addestrative.
 
 
Click on the small images to enlarge 
KC 767A AM 9
KC 767A AM 10
KC 767A AM 11
KC 767A AM 12
KC 767A AM 13
KC 767A AM 14
La postazione principale del boomer dispone di due joystick per effettuare le manovre, il comando di sinistra serve per la gestione del telescopio, per le luci di indicazione di manovra, per la manovra di sgancio d’emergenza (breakway) o per la disconnessione normale, i comandi di destra servono invece per gestire la radio, le regolazioni azimuth e orizzontali della sonda rigida. 
Per le operazioni di supervisione e gestione l’operatore si avvale inoltre di due schermi (touch screen) dove vengono visualizzate le riprese video e la situazione del carburante presente nei serbatoi, i serbatoi del 767 servono per alimentare sia i motori del velivolo che per rifornire i “receiver”, un sistema automatico gestisce i travasi per mantenerli equilibrati verso il contenitore centrale. 
Le riprese video avvengono tramite un RVS (Remote Vision System) dotato di tre telecamere che riprendono la zona esterna esattamente dove avviene il contatto con l’aeromobile da rifornire, due sono laterali per le riprese dei pod subalari, una inquadra il cestello e l’ARB, per quest’ultima visuale è stata installata un ulteriore telecamere ad infrarossi per le operazioni notturne. L’RVS è un pod ventrale installato nella parte posteriore inferiore prossima alla zona di attacco dell’asta rigida. Un ulteriore importante dotazione a disposizione dell’ARO (Aerial Refueling Opeartor) è l’HMD System (Head Mounted Display), l’HMD è un casco che permette la vista stereoscopica delle immagini visualizzate sullo schermo quando si utilizza il Flying Boom, non avendo il contatto visivo con l’aereo receiver, come per esempio avviene sui KC 135, è importantissimo vedere l’aereo da rifornire in modo tridimensionale a vantaggio della percezione reale delle distanze.        
Attualmente il 14° Stormo mantiene una configurazione dei velivolo combinata con due Combi, un Full Pax e un Full Cargo, ritenuta la più adatta per le tipologie di missione svolte in questo periodo, però come già accennato precedentemente queste configurazioni si possono variare con poche ore di lavoro.
Caratteristiche tecniche 
Lunghezza: 48,51 mt 
Apertura alare: 47,57 mt 
Altezza: 15,85 mt 
Propulsione: 2 Turbofan General Electric CF6-80C2 da 60.200 libbre di spinta ognuno (268kn) 
Peso massimo al decollo: 180.000 kg 
Peso a vuoto: 82.000 kg 
Peso massimo carburante imbarcabile: 70 tonn 
Tangenza operativa: 13.000 mt 
Autonomia: 14 ore 
Raggio d’azione: 11.500 km 
Velocità di crociera: 900 km/h (0.80 mach)
Click on the small images to enlarge 
KC 767A AM 15
KC 767A AM 16
KC 767A AM 17
KC 767A AM 18
14°Stormo