Il 915° Gruppo Efficienza Aeromobili (GEA) nasce il 10 ottobre del 2010 come conseguenza della trasformazione del 905° GEA del 5° Stormo Caccia — posto in posizione “quadro” contestualmente all’arrivo a Cervia del 15° Stormo — in cui è confluito il personale tecnico assegnato all’83° Gruppo SAR di Rimini (oggi 83° Centro SAR). 
I manutentori del 5° Stormo, qualificati su velivoli fast-jet F 16ADF, sono stati riqualificati su aeromobili ad ala rotante, in particolare sulle linee operative in ambito 15° Stormo ovvero AB 212AM, TH 500 e HH 3F.  
Nel giro di poco tempo si è profilata subito un’altra importante sfida, con il ritiro dal servizio attivo dell’HH 3F con l’HH 139A, sul quale una parte del personale manutentore meccanico e avionico è stata qualificata e addestrato, acquisendo quindi le richieste capacità manutentive. 
Con il recente arrivo dell’HH 101A, il 915° GEA ha dovuto affrontare un nuovo impegno su un aeromobile con caratteristiche tecnologiche avanzate e complesse, ottenendo capacità lavorative su macchine di nuovissima generazione.  
Come spesso è avvenuto nel recente passato dell’Aeronautica Militare in occasione dell’introduzione in linea di nuove macchine, anche sulla base di Cervia queste trasformazioni sono state affrontate con risolutezza e determinazione per risolvere, in tempi rapidi e nel migliore dei modi, i comprensibili problemi di carattere tecnico logistico e organizzativo associati all’introduzione in Forza Armata di aeromobili di nuova generazione. 
Il 915° GEA dipende direttamente dal Comandante del 15° Stormo per quanto riguarda gli aspetti legati alle attività di supporto tecnico operativo, mentre per gli aspetti normativi e tecnici logistici fa riferimento alle direttive emesse dal Comando Logistico (Roma), interfacciandosi in particolare con il 6° Reparto Manutenzione Elicotteri (RME) di Pratica di Mare che da esso dipende.
La struttura del 915° GEA è pressoché simile ad altri enti paritetici, differenziandosi per la presenza nella sua struttura del Magazzino di Funzionamento che, presso altri Stormi dell’AM, è stato tolto assegnando la competenza della gestione del Materiale Speciale Aeronautico ai Magazzini MSA dipendenti dai Gruppi Supporto Tecnico Operativo. 
La struttura del GEA prevede una Segreteria, un Ufficio Tecnico, una Direzione Tecnica e una Sezione Controllo Qualità. 
L’Ufficio Tecnico si occupa dell’applicazione della normativa emessa dalla DAAA (Direzione degli Armamenti Aeronautici e Aeronavigabilità), dell’aggiornamento della documentazione peculiare di ciascun aeromobile assegnato, dell’emanazione degli ordini tecnici di lavoro per la Direzione Tecnica, dell’aggiornamento della documentazione tecnica, assicurando il controllo di configurazione di aeromobili e accessori e monitorandone costantemente le scadenze. 
La Direzione Tecnica, attraverso la gestione delle Sezioni assegnate, si occupa invece di eseguire la manutenzione sugli elicotteri ed equipaggiamenti associati, gestisce i Servizi Tecnici Generali che svolgono la manutenzione sugli AGE (Aircraft Ground Equipment) e sugli equipaggiamenti di volo e di salvataggio e, tramite la Sezione Approntamento Linea Volo (SALV), assicura l’approntamento delle macchine al volo.  
La parte di lavoro più importante svolta dal 915° GEA è sicuramente la manutenzione delle tre linee elicotteri assegnati allo Stormo, TH 500 nella versione MD a disposizione della 615^ Squadriglia Collegamenti, unici esemplari di questo tipo in servizio presso AM, HH 139A in utilizzo all’83° Centro SAR e all’81° CAE e HH 101A a disposizione dell’81°. 
Le linee HH 101A e HH 139A sono identificate come linea elicotteri “pesanti” e linea elicotteri “leggeri”, entrambe hanno un hangar dedicato e a completa disposizione per le attività manutentive.  
Gli Specialisti Manutentori del GEA hanno capacità diverse su tutte e tre le linee, in particolare le specialità meccanici e avionici che hanno personale appositamente qualificato sulle differenti tipologie di aeromobili. 
I lavori che sono fatti sugli elicotteri si possono identificare in due macro aree, manutenzione programmata e manutenzione non programmata o correttiva. 
La manutenzione programmata è svolta secondo programmi e scadenze ben definiti con piani di intervento a scadenze orarie (LOF — Limite Operativo Funzionale) e/o calendariale (LIC — Limite Operativo Calendariale), può essere di 1° o 2° Livello Tecnico. 
La manutenzione non programmata o correttiva è svolta a seguito di un malfunzionamento occorso durante l’attività di volo. 
La manutenzione correttiva verifica, attraverso ricerche guasti mirate, la tipologia di malfunzionamento con l’ausilio dei manuali e, una volta individuato il particolare difettoso, si provvede alla sua sostituzione e conseguente ripristino dell’efficienza previe verifiche di buon funzionamento dei sistemi/impianti manutenuti.
15° Stormo 915° GEA image 1
15° Stormo 915° GEA image 2
15° Stormo 915° GEA image 3
15° Stormo 915° GEA image 4
Gli Specialisti assegnati sono tutte persone qualificate, addestrate e in possesso d’idonea e riconosciuta capacità manutentiva. 
Provengono da varie scuole e l’iter di formazione varia secondo il ruolo di appartenenza: 
- Ruolo Truppa: effettuano un anno di corso basico presso la Scuola Specialisti AM di Caserta, e dopo sono assegnati presso i Reparti. In seguito faranno i vari corsi di qualificazione e l’OJT prevista; 
- Ruolo Sergenti: effettuano sei mesi di corso basico presso la scuola specialisti AM di Caserta e dopo sono assegnati presso i Reparti. In seguito faranno i vari corsi di qualificazione e l’OJT prevista; 
- Ruolo Marescialli: effettuano tre anni di corso presso la Scuola Marescialli AM di Viterbo (dove conseguono anche la laurea breve) e poi, assegnati presso i Reparti, effettueranno i vari corsi di qualificazione e l’OJT prevista. 
Gli specialisti assegnati al Reparto acquisiscono in seguito la qualifica di Manutentore Tecnico Meccanico (MTM) e Manutentore Tecnico Avionico (MTA) attraverso la frequenza di appositi corsi presso ditta o di FA. 
Gli Specialisti Manutentori del 915° GEA garantiscono tutto il supporto tecnico previsto agli aeromobili ed equipaggiamento durante le missioni in ambito nazionale e in Operazioni Fuori dai Confini Nazionali (OFCN). 
Un valido supporto alle attività manutentive del reparto è garantito da personale dell’industria (Leonardo) dislocato a Cervia, o da tecnici manutentori civili che hanno consentito, nella fase iniziale dei nuovi programmi, un supporto formativo ai manutentori AM, assicurando inoltre con la loro presenza un supporto manutentivo a garanzia degli elevati standard qualitativi necessari.
15° Stormo 915° GEA image 5
15° Stormo 915° GEA image 6
15° Stormo 915° GEA image 7