iper://Homepage.aeh|0
iper://Portfolio_military.aeh|0
Adriatic Strike 2017 iper://typhoon_homepage.aeh|0
iper://Vintage_reports.aeh|0
iper://Contributors.aeh|0
iper://Publishes_works.aeh|0
iper://Civil_portfolio.aeh|0
 
Adriatic Strike 2017
Per la sesta volta consecutiva, la Slovenia ha ospitato l’esercitazione Adriatic Strike. L’evento è stato organizzato dall’alto Comando della NATO Allied Air Command di Ramstein, e dislocato in Germania.   
Lo scopo principale dell’esercitazione è stato quello di addestrare i Joint Terminal Attack Controller (JTAC), unità inserite nelle varie forze armate dell’Alleanza Atlantica e incaricati di designare alle forze aeree impegnate in battaglia gli obiettivi da neutralizzare. La cooperazione tra piloti di velivoli e i JTAC delle forze terrestri è indispensabile per minimizzare gli effetti del “fuoco amico” durante la battaglia, e ridurre gli effetti collaterali durante le operazioni di appoggio tattico (CAS Close Air Support), ridurre i rischi è possibile grazie ad un addestramento più realistico possibile come all’Adriatic Strike.   
L’esercitazione è stata ufficialmente aperta con una cerimonia domenica 4 giugno sull’aeroporto di Cerklje ob Krki, precisamente nella zona militare (caserma) intitolata a Jernej Molan, l’evento è stato aperto anche ai fotografi. La conclusione dell’evento si è tenuta invece sabato 10 giugno.     
I paesi che hanno partecipato attivamente sono stati: Belgio, Canada, Croazia, Francia, Germania, Ungheria, Repubblica Ceca, Danimarca, Italia, Lettonia, Olanda, Lituania, Romania, Polonia, Slovacchia, Stati Uniti e Austria, mentre Macedonia, Montenegro e Giordania hanno partecipato solo in qualità di osservatori. 
La maggior parte degli assetti impegnati, velivoli ad ala fissa ed elicotteri erano basati sull’aeroporto di Cerklje ob Krki, i Pc 9 croati operavano direttamente dalla loro base di Zadar-Zemunik, come anche gli AMX italiani del 51° Stormo da Istrana e i Gripen ungheresi da Kecskemét. 
Il poligono di Postumia è stato l’area principale delle operazioni, attrezzato con bersagli reali rappresentati da aerei, carri armati, artiglieria e molto altro, altre aree minori erano a disposizione delle forze impegnate.  
L’evento di apertura del 4 giugno ha visto nella prima parte della giornata l’arrivo di alcuni assetti come i Pc 9 e il Let 410 della Forza Aerea slovena, seguiti dai Pc 9 croati, e anche dai Pc 7 e dagli OH 58 austriaci. 
Ha fatto seguito un volo di ambientamento da parte degli L 159 della Repubblica Ceca, e da alcune dimostrazioni da parte di tutti i velivoli appartenenti alla Slovenian Air Force (Pc 9 — Bell 206 — Zlin 242L — Bell 412 — Super Puma) con dimostrazioni di CAS, Search and Rescue (SAR) e operazioni speciali. Identiche performance si sono ripetute nel tardo pomeriggio.
Adriatic Strike 2017 Austrian AF
Adriatic Strike 2017 Croatian AF
Adriatic Strike 2017 Montenegro AF
Adriatic Strike 2017 Czech AF
Adriatic Strike 2017 Slovenian AF
Foto e testo di Lucio Polo 
Prodotto da Giorgio Ciarini 
Giugno 2017 
iper://Contributors.aeh|0
English text 
work in progress