iper://Homepage.aeh|0
iper://Portfolio_military.aeh|0
iper://typhoon_homepage.aeh|0
iper://Vintage_reports.aeh|0
iper://Contributors.aeh|0
iper://Publishes_works.aeh|0
iper://Civil_portfolio.aeh|0
 
Axalp Air Demo 2017
Nelle giornate di mercoledì 11 e giovedì 12 ottobre 2017 si è nuovamente svolto, dopo un’interruzione di diversi anni (ultima edizione nel 2011), il tiro d’aviazione sull’Axalp-Ebenfluh. 
Assecondato da un meteo estivo, l’evento ha richiamato la folla delle grandi occasioni sul poligono alpino delle Forze Aeree Svizzere situato a 2.250 metri di quota, a ridosso dell’Aerodromo Militare di Meiringen, nell’Oberland bernese. 
Grazie ad una serie di favorevoli circostanze, e a dispetto di un poco tempestivo “inconveniente” chirurgico, ho avuto l’opportunità di assistere all’esercitazione non solo in compagnia dell’esperto Luigi Sani, amico di lunga data e fotografo provetto, ma addirittura in qualità di membro della Stampa per conto del Web Magazine wwwgiorgiociarini.com, il che ci ha assicurato il trasferimento dall’Aerodromo Militare di Meiringen al poligono in quota a bordo di uno dei Super Puma gentilmente messi a disposizione dalle Forze Aeree Svizzere. 
Partiti da Milano all’alba dell’12 ottobre, e varcato il confine a Chiasso, abbiamo poi raggiunto in gara contro il tempo Meiringen via il magnifico Sustenpaß con panorami (e strapiombi…) mozzafiato.  
Una volta in base, peraltro difficilmente distinguibile dai campi coltivati circostanti, e ritirato il pass con gli agognati biglietti per il transfer in elicottero, giusto il tempo per un veloce raid sul banchetto dei gadget per assicurarci le indispensabili “prove di presenza” e poi via verso la presentazione tenuta dal Comandante delle Forze Aeree Aldo C. Schellenberg, che ha sinteticamente illustrato obiettivi e criteri della Difesa Aerea Svizzera. 
Al termine, apertura dei cancelli e trasferimento verso la pista di volo, dove già dal primo mattino una mezza dozzina di Super Puma decollavano senza sosta per caricare i fortunati ammessi al “passaggio” in quota. 
A bordo pista, quello che ci aspettavamo essere il classico passaggio al metal detector si è poi più prosaicamente rivelato un semplice ma indispensabile controllo del peso individuale, per assicurare il rispetto dei parametri di carico del velivolo! 
Era finalmente arrivato il momento di imbarcarci, e come tante paperette in fila indiana abbiamo disciplinatamente raggiunto il “nostro” elicottero.
Axalp Air Demo 2017 image 1
Axalp Air Demo 2017 image 2
Axalp Air Demo 2017 image 3
Axalp Air Demo 2017 image 4
Axalp Air Demo 2017 image 5
Axalp Air Demo 2017 image 6
Superati senza affanni in pochi minuti i quasi 1.700 metri di dislivello fra aeroporto e poligono, ci si è presentato lo spettacolo incredibile di un versante intero del vallone affollato di spotters, intenti a predisporre le rispettive postazioni in attesa dell’inizio dell’esercitazione; fortunatamente l’orografia ha garantito a tutti un’ottima visuale su bersagli e velivoli! 
Puntualmente alle 14,00 una sezione di F/A-18C del Fliegerstaffel 11 “Tigers” con il lancio di flare ha dato il via all’esercitazione, che ha visto per prime due sezioni di Hornet alternarsi in passaggi “live” da tutte le direzioni scaricando brevi ma precise raffiche da 20mm con i loro Vulcan sui bersagli predisposti sul passo e sulle pareti rocciose. 
Hanno poi fatto il loro ingresso gli F 5E Tiger II del Fliegerstaffel 8 “Vandalos”, che hanno seguito un programma simile, ma caratterizzato dal diverso rumore dei cannoni: una coppia di M39 a canna singola per ciascun velivolo. Spettacolare la chiusura con le ultime raffiche sparate con proiettili esplosivi, che hanno dimostrato l’accuratezza dei piloti svizzeri circondando i bersagli dei lampi dei colpi a segno. 
Per chi scrive, grandissima emozione nell’assistere (unica possibilità al mondo) ad un’esercitazione a fuoco reale, e illuminante consapevolezza dell’estrema rapidità di ingaggio che caratterizza il combattimento aereo, non facilmente percettibile altrimenti. Il tutto esaltato dallo scenario alpino, all’interno del quale i piloti svizzeri hanno dimostrato di muoversi senza esitazioni, sfruttando ogni canalone o vetta per massimizzare il vantaggio tattico. Non è necessario poi evidenziare il rammarico di tutti i presenti per la conclusione dell’esercitazione, unanimemente definita “troppo breve”!
Axalp Air Demo 2017 image 7
Axalp Air Demo 2017 image 8
Axalp Air Demo 2017 image 9
Axalp Air Demo 2017 image 10
Axalp Air Demo 2017 image 11
Axalp Air Demo 2017 image 12
Axalp Air Demo 2017 image 13
Axalp Air Demo 2017 image 14
Axalp Air Demo 2017 image 15
Axalp Air Demo 2017 image 16
Axalp Air Demo 2017 image 17
Axalp Air Demo 2017 image 18
Axalp Air Demo 2017 image 19
Axalp Air Demo 2017 image 20
Axalp Air Demo 2017 image 21
È quindi stata la volta del Pilatus Pc 21, l’addestratore turboelica avanzato delle Forze Aeree Svizzere in livrea rosso fiammante, che ha dato una ben visibile dimostrazione della sua agilità e velocità. 
Al termine sono rientrati i potenti Cougar e Super Puma per una spettacolare demo sia di agilità e manovre tattiche, che di trasporto, simulando un intervento antiincendio con il preciso sgancio sul bersaglio di due benne da 4 tonnellate di acqua. 
Sempre in tema di ala rotante, l’EC635 ha poi simulato un intervento SAR (Search and Rescue) con il rilascio e il recupero  di un medico e di un ferito barellato, dimostrando una notevolissima precisione nel posizionamento del gancio di carico, letteralmente “messo in mano” all’operatore a terra. 
A separare le esibizioni operative da quelle dimostrative il lancio della compagnia di Esploratori Paracadutisti 17, con coreografico sorvolo del pubblico con esibizione degli stendardi di reparto e dei Cantoni. 
Ha quindi fatto il suo ingresso nello stretto canalone di Axalp l’F/A-18C dello Swiss Hornet Demo Team, che ha dimostrato con grande precisione e dinamismo la maneggevolezza dell’Hornet in un contesto particolarmente impegnativo come quello di Axalp. Purtroppo però, niente raffiche, questa volta!!!! 
Gran finale d’obbligo con la Patrouille Suisse a bordo dei suoi sei sgargianti F 5E che ci hanno deliziato con formazioni molto precise e spettacolari, favorite da una luce particolarmente adatta a far risaltare il bianco/rosso della loro livrea ed accompagnate da un grande applauso finale. 
Con negli occhi ancora gli ultimi passaggi della Patrouille, il deflusso verso la piazzola d’imbarco per la discesa a Meiringen è stato sorprendentemente ordinato e rapido e in men che non si dica ci siamo ritrovati nell’ombra dell’Aerodromo, a scattare le ultime foto e a chiacchierare con l’affabile Comandante Schellenbegr, squisito padrone di casa.Qualche ultimo acquisto “della staffa” e siamo risaliti in auto per il mesto rientro a Milano, carichi non solo di gadget e fotografie, ma delle incredibili emozioni regalateci dal Fliegerschiessen Axalp 2017. Inevitabile quindi augurarci un: Arrivederci ad Axalp 2018!
Axalp Air Demo 2017 image 22
Axalp Air Demo 2017 image 23
Axalp Air Demo 2017 image 24
Axalp Air Demo 2017 image 25
Axalp Air Demo 2017 image 26
Axalp Air Demo 2017 image 27
Axalp Air Demo 2017 image 28
Axalp Air Demo 2017 image 29
Axalp Air Demo 2017 image 30
Axalp Air Demo 2017 image 31
Axalp Air Demo 2017 image 32
Axalp Air Demo 2017 image 33
Gli autori desiderano ringraziare il Lt. Gen. Aldo C. Schellenberg, la Sig.ra Alina Gysin (Ufficio Comunicazione della Forza Aerea Svizzera) e tutto il personale della Base Aerea di Meringen.  
Foto di Luigi Sani e Fabio Castelvetri 
Testo di Fabio Castelvetri 
Prodotto da Giorgio Ciarini 
Ottobre 2017 
iper://Contributors.aeh|0
English text 
work in progress