Istrana Centenario dei Gruppi Venti iper://Homepage.aeh|0
iper://Portfolio_military.aeh|0
iper://typhoon_homepage.aeh|0
iper://Vintage_reports.aeh|0
iper://Contributors.aeh|0
iper://Publishes_works.aeh|0
iper://Civil_portfolio.aeh|0
 
Centenario Gruppi Venti
Venerdì 11 maggio, sulla base aerea dell’Aeronautica Militare di Istrana, sede del 51° Stormo, si è celebrato il “Centenario dei Gruppi Venti”, 20° Gruppo, Castenedolo (Brescia) 26 marzo, 21° Gruppo, Salonicco (Grecia) 25 maggio, 22° Gruppo, Ghedi (Brescia) 5 luglio, 23° Gruppo San Luca di Padernello (Treviso) 8 luglio, questi sono i quattro Gruppi costituiti nel 1918.  
Dei quattro Gruppi centenari solo i primi due sono attualmente attivi, il 20° Gruppo dipende dal 4° Stormo di Grosseto, è dotato di velivoli F 2000A e TF 2000A e si occupa della conversione operativa (OCU Operational Conversion Unit) dei piloti assegnati alla linea caccia F 2000 Typhoon; il 21° Gruppo, meglio conosciuto come Gruppo “Tigre”, è attualmente alle dipendenze del 9° Stormo di Grazzanise, è dotato di elicotteri HH 212ICO e supporta le operazioni speciali di Forza Armata, effettua missioni di Slow Movers Interceptor (SMI) e di Personnel Recovery. Il 22° Gruppo è stato messo in posizione “quadro” il 25 febbraio del 1999, mentre il 23° ha subito la stessa sorte il 4 giugno del 2010.
L’evento dell'11 maggio è sicuramente stato sottotono rispetto al più blasonato “Centenario dei Gruppi Caccia” dello scorso anno tenutosi a Grosseto. 
Si è notata sicuramente l’assenza del Capo di Stato Maggiore, ma anche l’evento in sé stesso non è sembrato all’altezza dell’importantissima celebrazione. 
Il Generale di Squadra Aerea Settimo Caputo ha rappresentato per l’occasione il vertice dello Stato Maggiore Aeronautica (SMA), al suo fianco era presente il Generale di Brigata Aerea Silvano Frigerio in qualità di Comandante del Comando Forze da Combattimento (CFC). 
Caputo nel suo discorso di inizio cerimonia, oltre a portare i saluti del Capo di Stato Maggiore, ha inaspettatamente posto all’attenzione dei radunisti e degli invitati presenti la prossima ricostituzione dei due Gruppi centenari attualmente in posizione “quadro”, il 22° e il 23°, dando un’indicazione di massima sulla probabile collocazione nelle due basi che li hanno ospitati prima della loro chiusura, il 22° a Treviso e il 23° a Cervia. Non è trapelato invece il ruolo e la dotazione di velivoli, anche se è quasi certo che il 22° si occuperà di Difesa Aerea con i velivoli F 2000 Typhoon, e il 23° di Soccorso/Operazioni Speciali con l’HH 101A Caesar .
Il programma dell’evento è proseguito con la presentazione di una targa commemorativa raffigurante un libro appoggiato sullo stabilizzatore orizzontale di un F 104 Starfighter, velivolo che tra l’altro è stato per decenni in servizio presso tutti i Gruppi centenari, sulla pagina sinistra è evidenziata la dicitura “Capitoli 20 21 22 23” “1918-2018” “100 anni di gloria scolpiti nella storia”, mentre sulla pagina di destra spiccano gli emblemi dei Gruppi. 
La breve cerimonia, oltre a Caputo e Frigerio, ha visto come elemento portante la presenza del Colonello David Morpurgo come Comandante del 51° Stormo e dei quattro Comandanti di Gruppo, del 20° e del 21° attualmente in carica, mentre in rappresentanza del 23° era presente il Colonnello Gnutti come ultimo Comandante all’atto della chiusura del reparto, stessa cosa per il 22° Gruppo rappresentato dall’ultimo Comandante, Ten. Col. Caporale, ora in congedo.
L’evento si è tenuto sull’area dove opera solitamente il 132° Gruppo CBR (Caccia Bombardieri Ricognitori), gli shelter sono stati adibiti a spazi espositivi di foto, memorie storiche, attrezzature e molto altro, le strutture corazzate hanno svolto anche il ruolo di punto di aggregazione dei radunisti accorsi da tutta Italia.
Sul piazzale del 132° era presente una mostra statica con alcuni velivoli, un AMX dei padroni di casa, un Tornado IDS del 6° Stormo di Ghedi, un HH 101A del 15° Stormo di Cervia e l’ormai immancabile F 35A Lightning II del 32° Stormo di Amendola, a corollario dell’area del cerimoniale è stato presentato un TF 2000A Typhoon Special Colours del 20° Gruppo, un HH 212ICO del 21° Gruppo in versione “Tiger” che all’indomani della cerimonia è “volato” all’annuale edizione del NATO Tiger Meet in Polonia (Poznan), per finire con gli aerei commemorativi un F 104S ASAM con i colori del 22° Gruppo sul lato sinistro e del 23° Gruppo sul lato destro.
Le esibizioni in volo sono state evidenziate da una coppia di Typhoon, da una coppia di HH 212ICO, anch’essi in partenza per Poznan, e ovviamente dal’immancabile esibizione delle Frecce Tricolori, a differenza dell’evento di Grosseto per questa occasione non è stata prevista alcuna manifestazione a favore del pubblico, ma il tutto si è concluso con un pranzo conviviale a favore dei radunisti.
L'autore desidera ringraziare il Magg. Stefano Testa (UCOM SMA) e il Cap. Marco Barone (51° Stormo) 
Testo e foto di Giorgio Ciarini 
Maggio 2018 
iper://Portfolio_military.aeh|0
English translation by Fabio Castelvetri 
On Friday, May 11, 2018, the Italian Air Force (Aeronautica Militare — AM), celebrated the cumulative 100th Anniversary from inception of the “Twenties Squadrons”: 
20th Gruppo, activated at Castenedolo (Brescia) on March 26, 1918; 
21st Gruppo, activated at Salonicco (Greece) on May 25, 1918; 
22nd Gruppo, activated at Ghedi (Brescia) on July 5, 1918; 
23rd Gruppo, activated at San Luca di Padernello (Treviso) on July  8, 1918.  
Only two of the centenary Squadrons are currently on active status:  
The 20th Gruppo, flying F-2000A’s and TF-2000A’s out of Grosseto as part of 4th Wing, is the ItAF’s OCU for the type; 
The 21st Gruppo, part of the exclusive elite “Tigers” community, is currently part of the 9th Wing at Grazzanise and flies HH-212ICO helicopters to support the Service’s Special Ops, and is also tasked with Slow Movers Interceptor (SMI) and Personnel Recovery missions. 
The 22nd Squadron was inactivated on February 25, 1999, while the 23rd Squadron followed suit on June 4, 2010. 
The May 11 ceremony was undeniably more subdued in comparison with the more glamorous “Fighter Squadrons Centennial” celebration held in Grosseto in 2017. 
The AF Chief of Staff’s absence was conspicuous, and the event itself lacked the pomp one would normally associate with such an important milestone. 
Lt.Gen. Settimo Caputo represented the AF Staff, while Brig.Gen. Silvano Frigerio, Cdr, Fighter Command, accompanied him. 
Besides relaying the Chief of Staff’s salute to the participants, Gen. Caputo quite unexpectedly centered his address on the imminent reactivation of the two Centenary Squadrons currently on inactive status, (22nd and 23rd Sqdns.), at the same time anticipating they will likely return to the bases where they lastly had operated out of: Treviso itself for the 22nd Sqdn, and Cervia for the 23rd Sqdn.. 
No insight on mission and aircraft types was shared, but it is rumored that the 22nd will take over Air Defense duties with F-2000A Typhoons, while the 23rd will carry out CASR/SpecOps missions flying the HH-101A Caesar. 
Next in the celebration schedule, a sculpture of an open book displayed on an F-104 Starfighter’s stabilator was unveiled. 
The left-hand page text reads: 
“Chapters 20-21-22-23” 
“1918-2018” 
“100 Years of Glory Etched in History”, 
While the right-hand page carries the four “Twenties Squadrons” emblems. 
Futher key attendees to the short ceremony, besides Gens. Caputo and Frigerio, were Col. David Morpurgo, Cdr. of the 51st Wing, and the Commanders of the four “Twenties Squadrons”: the current ones for the 20th and the 21st, while for the 23rd and the 22nd the last Commanders at deactivation - Col. Gnutti and Lt.Col. (Ret.) Caporale respectively. 
The ceremony took place on the base sector usually used by the 132nd Gruppo CBR (Fighter-Bomber/Reconnaissance): the HAS were turned into fitting display areas for a wealth of period pictures, memorabilia, assorted gear and curios, and doubled as meeting point for the attendees, that came from all corners of Italy. 
On the ramp, a static display outlined ItAF’s current line-up: 
An AMX of the 132nd Sqdn. sat beside a Tornado IDS from 6th Wing from Ghedi, an HH-101A Caesar of the 15th Wing from Cervia and the now inevitable F-35A Lightning II of the 32nd Wing from Amendola. 
A few special color aircraft were also showcased to mark the occasion: 
· a TF-2000A Typhoon in 20th Sqdn. markings,  
· an HH-212ICO of 21st Sqdn. in a “Tiger” scheme, befitting its imminent participation in the 2018 NATO Tiger Meet in Poznan (Poland) 
· a stunning dual-faced F-104S-ASAM painted in 22nd Sqdn air superiority grey markings on the left side and in garish yellow 23rd Sqdn markings on the right side. 
The flight display kicked off with a couple of Typhoons followed by a section of HH-212ICO’s, that would later depart for Poznan to attend the Tiger Meet, and was capped off by the customary Frecce Tricolori aerobatic display. 
Different from the Grosseto anniversary of 2017, there was no public event: the celebration ended with a private banquet reserved for Squadron alumni. 
The author would like to thank Maj, Stefano Testa (UCOM SMA) and the Capt. Marco Barone (PI 51° Stormo) 
Images and text by Giorgio Ciarini 
May 2018