iper://Homepage.aeh|0
iper://Portfolio_military.aeh|0
iper://typhoon_homepage.aeh|0
iper://Vintage_reports.aeh|0
iper://Contributors.aeh|0
iper://Publishes_works.aeh|0
iper://Civil_portfolio.aeh|0
 
Exercise Iniochos 2019
Cenni storici 
 
La Fighter Weapons School di Andravida è stata costituita nel 1975 prendendo spunto dalla rinomata e omonima scuola Americana di Nellis AFB (Air Force Base). 
L’anno successivo la Forza Aerea greca (Elliniki Polemiki Aeroporia / Hellenic Air Force) ha organizzato il primo Air to Air Tactics Course con lo scopo di migliorare le capacità di combattimento aria-aria. 
Ancora un anno dopo viene organizzato invece il primo Air to Ground Course, anche questo per implementare le proprie capacità di attacco al suolo.  
Nel 1983 viene invece creato l’Air Tactics Center (ATC) come risultato della fusione del Fighter Weapons School (FWS), dell’Electronic Warfare School (EWS) e dell’Air to Ground Operations School (AtoGOS). Nel 1987 viene integrato nell’ATC anche il Joint Electronic Warfare School (JEWS). 
Per finire con l’evoluzione nel 2001 viene creata una nuova sezione denominata Weapon’s Trial Section (WTS). 
Invece la storia dell’esercitazione Iniochos prende vita alla fine degli anni ‘80, in quel momento con caratteristiche di una piccola esercitazione tattica, necessaria alla Forza Aerea greca per addestrarsi a operazioni aeree combinate in base alla dottrina del momento. Per l’esecuzione e la conduzione dell’esercitazione l’Hellenic Fighter Weapons School si rischierava presso la Base Aerea di Larissa nel comprensorio del National Center for Air Operations. Anche gli assetti aerei operavano da Larissa assistiti dal locale 110 PM (110 CW). 
Nel 2005 si è preferito decentralizzare l’esercitazione facendo operare i partecipanti dalle loro basi di appartenenza, la pianificazione e il coordinamento erano in carico dell’ATC e FWS di Andravida, questo grazie all’implementazione delle nuove capacità di Comando e Controllo (C2)  
Nel 2013 la decisione di adottare la formula di operazione su singola base e di aumentare a media scala l’evento e soprattutto di espandere lo spettro di operazioni e obiettivi con un ritmo di battaglia 24/7 intensivo e prolungato, aumentando significativamente il livello di formazione. 
Nel 2015 una nuova ristrutturazione decisi per la prima volta a farla diventare una INVITEX (INVITation EXercise), i primi ad accettare l’invito sono stati assetti della Forza Aerea di Israele (Heyl Ha’Avir — Israel Air Force) e di una componente Special Operation Force (SOF) dell’United States Air Force Europe (USAFE) come JTAC (Joint Tactical Attack Controller).
Iniochos 2019 Hellenic Air Force photogallery
La missione dell’organizzatore 
La missione dell’ATC è di addestrare il personale della Forza Aerea, ricercare e testare nuovi metodi e procedure per le tattiche di combattimento aereo, monitorare le evoluzioni tecnologiche degli equipaggiamenti per adattarle alle esigenze della Forza Aerea, valutare e testare i sistemi d’arma e di guerra elettronica destinati ai velivoli della Forza Aerea. 
 
L’addestramento 
 
L’ATC offre diversi programmi di addestramento annuali. 
L’FWS organizza uno o due corsi avanzati all’anno per piloti, controllori di volo e personale addetto all’Intelligence, per entrambi le specialità Air to Air e Air to Ground, occasionalmente conduce corsi speciali per gli equipaggi di volo degli elicotteri.  
L’EWS organizza corsi di livello medio e avanzato di Guerra Elettronica per personale dell’Esercito, della Marina e naturalmente dell’Air Force
Sempre l’EWS organizza un corso annuale per l’JEWS. 
Il JTAC organizza invece due corsi annuali d’ingresso e uno di mantenimento per ufficiali della Forza Aerea per i ruoli competenti. 
L’addestramento proposto dall’ATC è molto strutturato e copre la stragrande maggioranza delle operazioni aeree che si possono svolgere, in sintesi riguardano le seguenti attività: 
-COMAO (COMbined Air Operations) 
-Intelligence 
-Formation Commander 
-Test Pilot 
-Target Vulnerability 
-Range Training Officer (RTO) 
-CSAR (Combat and Search and Rescue)  
Lo scopo primario dell’addestramento proposto dall’ATC è di addestrare tramite simulazioni di combattimento aereo e di Guerra Elettronica il proprio personale e quello di Forze Aeree alleate o amiche. 
L’ATC è responsabile della preparazione e della revisione dei manuali di addestramento e delle relative procedure.  
L’ATC mette a disposizione dei partecipanti alle sessioni addestrative delle evolute stazioni Radar e di Comunicazione, delle aree per la Guerra Elettronica e delle stazioni ESM / ECM (Electronic Support Measure / Electronic Counter Measure). 
Per l’ATC uno degli aspetti più importanti è la sicurezza delle operazioni di volo e dei movimenti dei velivoli a terra. Il Flight Ground Safety Office dell’ATC coopera costantemente con l’omonimo ufficio del 117 PM (117 Combat Wing), in particolare durante lo svolgimento delle esercitazioni multinazionali.
Iniochos 2019 Israeli Air Force photogallery
Il luogo 
 
Andravida è la Base Aerea che ospita l’annuale esercitazione Iniochos, posta nel nord/ovest del Peloponneso è la sede del 117 PM (Pterix Mahis — Combat Wing) e del KEAT (Kentro Aeroporikis Taktikis — Air Tactics Centre). 
Il 117 PM (equivalente di un nostro Stormo) è l’ultimo reparto della Forza Aerea greca dotato di F 4E Phantom II. 
Il KEAT utilizza invece alcuni esemplari di tutti i velivoli da combattimento della Elleniki Polemiki Aeroporia, Mirage 2000BG/EG — F 16C/D — F 4E.  
I motivi per cui l’esercitazione è svolta ad Andravida sono molteplici. 
Sicuramente perché per la Forza Aerea greca è una grande opportunità poter ospitare personale e velivoli di altre Forze Armate con cui scambiare metodologie ed esperienze di combattimento.   
Il luogo permette di svolgere l’esercitazione in totale sicurezza ponendola al livello delle più blasonate Red Flag degli Stati Uniti o Maple Flag del Canada, quindi un’esercitazione su larga scala senza dover affrontare un lungo rischieramento oltre Oceano. La morfologia del territorio interessato permette di svolgere missioni di combattimento aereo su terreno pianeggiante, su zone montane e soprattutto su di un’illimitata area marina.   
L’organizzatore dell’evento è impegnato costantemente a evolvere e arricchire anno per anno l’esercitazione con nuovi scenari e syllabus, maggior dinamismo nei combattimenti simulati e coinvolgere nuovi partecipanti. 
La partecipazione all’evento prevede l’invito direttamente da parte dello Stato Maggiore della Forza Aerea, oppure su specifica candidatura della Forza Aerea interessata, in ogni caso è possibile partecipare con un team completo di velivoli e personale, solo personale o in qualità di osservatori. 
In un evento come questo la media delle unità di personale presente si attesta a circa 1.000 militari per le Forze Armate straniere e in egual numero di personale della Forza Aerea greca, per un totale di circa 2.000 militari. Ne deriva sicuramente un beneficio economico per tutta la zona interessata e soprattutto per il comparto alberghiero, della ristorazione fino a quello delle auto noleggi.
Iniochos 2019 United States Air Force photogallery
L’esercitazione 
L’evento si svolge annualmente, di solito a cavallo tra il mese di marzo e quello di aprile, questa edizione si è svolta dal 27 marzo all’11 aprile. L’esercitazione si svolge all’interno di un area denominata Athens Flight Information Region (FIR). Sulla Base Aerea di Andravida, oltre agli assetti stranieri, sono presenti tutte le componenti delle Forze Armate greche. Lo scopo primario è quello di fornire ai partecipanti un addestramento il più possibile realistico, grazie alla creazione di un ambiente all’altezza. 
Tutto il personale partecipante è costantemente impegnato con ritmi intensi e tassi di logoramento molto realistici, minacce moderne e scenari in continuo cambiamento creano le condizioni di attrito di un classico combattimento moderno mettendo a dura prova la resistenza fisica e psicologica dei piloti moderni.  
I risultati sono testati e analizzati tramite sensori di rilevamento dati a bordo dei velivoli e a terra, in particolare sono utilizzati appositi software di de-briefing che ricostruiscono le missioni analizzate da Istruttori qualificati dell’ATC.  
Le fasi delle esercitazioni sono quelle classiche di qualsiasi evento di questo tipo: preparazione — schieramento — operazioni — rischieramento. 
Il Comando delle Forze Aeree partecipanti all’esercitazione è assunto direttamente dal Capo di Stato Maggiore della Elleniki Polemiki Aeroporia e viene condotto tramite una cellula appositamente costituita presso l’ATC, mentre il Comando dell’esercitazione fa capo al Comandante dell’ATC. 
Al fine di raggiungere tutti gli obbiettivi prefissati per l’esercitazione il Comandante e la cellula dell’ATC supervisionano le missioni, la pianificazione degli scenari e i de-briefing, assicurando che coprano tutti gli spettri di missioni svolte dalla Forza Aerea greca, in particolare: 
-      Air Operations per un Integrated Air Defense System 
-      Offensive Counter Air / Airfield Attack 
-      Air Interdiction / Special Targets 
-      Anti-Surface Warfare 
-      Slow Mover Protection 
-      Combat Search and Rescue 
-      Dynamic Targeting 
-      Strike Coordination and Reconnaissance 
-      Close Air Support 
-      Time Senistive Targets 
-      High Value Airborne Asset — Protect/Attack
Iniochos 2019 United Arab Emirates Air Force photogallery
La partecipazione dell’Italia 
 
Cospicua la presenza italiana a questa edizione dell’esercitazione Iniochos 2019, l’Aeronautica Militare ha rischierato ad Andravida sei Tornado del 6° Stormo di Ghedi (Brescia) e sei F 35A Lightning II del 32° Stormo di Amendola (Foggia), per la precisione tre Tornado IDS (InterDiction Strike) del 154° e 102° Gruppo, e tre nella versione ECR (Electronic Combat Reconnaissance) del 155° Gruppo, i sei F 35A invece erano del 13° Gruppo (Attualmente unico gruppo di Volo di AM ad avere in carico velivoli di 5^ generazione). 
Il numero di militari impegnati, tra piloti, navigatori e specialisti è stato di 200 unità, 145 le sortite effettuate con circa 250 ore di volo svolte. 
Le operazioni addestrative svolte dai piloti e navigatori italiani sono state di tipo: COMposite Air Operation (COMAO) — Suppression of Enemy Air Defence (SEAD) — Time Sensitive Targeting (TST) — Close Air Support (CAS) — Defensive Counter Air (DCA) — Offensive Counter Air (OCA). 
Di particolare rilevanza è stata l’attività Air To Surface Integration (ATOSI) che ha visto l’impiego congiunto dei velivoli di 3^, 4^ e 5^ generazione, per affinare l’integrazione dei sistemi utilizzando armamento inerte in aree di Poligono appositamente predisposte per l’attività addestrativa, da precisare che gli unici velivoli di 5^ generazione presenti sono stati appunto i nostri F 35A.
Iniochos 2019 Italian Air Force photogallery
L'autore desidera ringraziare il Col. Frasson Enrico Addetto Militare presso l'Ambasciata italiana ad Atene, il Col. Zolotas Comandante dell'ATC, il Col. Tsitoumis Addetto Stampa dell'Hellenic Air Force 
Foto e testo di Giovanni Mattioli 
Prodotto da Giorgio Ciarini 
Aprile 2019 
iper://Contributors.aeh|0