iper://Homepage.aeh|0
iper://Portfolio_military.aeh|0
iper://typhoon_homepage.aeh|0
iper://Vintage_reports.aeh|0
iper://Contributors.aeh|0
iper://Publishes_works.aeh|0
iper://Civil_portfolio.aeh|0
 
Italian Blade 2015
Italian Blade 2015 image 1
Italian Blade 2015 image 2
Italian Blade 2015 image 3
Italian Blade 2015 image 4
Italian Blade 2015 image 5
Italian Blade 2015 image 6
Italian Blade 2015 image 7
Italian Blade 2015 image 8
Italian Blade 2015 image 9
Italian Blade 2015 image 10
Italian Blade 2015 image 11
Italian Blade 2015 image 12
Italian Blade 2015 image 13
Italian Blade 2015 image 14
Italian Blade 2015 image 15
Italian Blade 2015 image 16
Italian Blade 2015 image 17
Italian Blade 2015 image 18
Italian Blade 2015 image 19
Italian Blade 2015 image 20
Dal 22 giugno al 3 luglio 2015 presso il Centro Addestrativo Aviazione dell’Esercito (CAAE) di Viterbo si è tenuta l’esercitazione internazionale Italian Blade 2015 (IB15) promossa dall’Agenzia Europea per la Difesa (EDA) sotto il patrocinio dell’Helicopter Exercise Programme (HEP). 
Le nazioni che hanno preso parte all’esercitazione sono state in totale sette (tutte europee) per un coinvolgimento totale di circa 1.000 uomini e 40 elicotteri. Altri due paesi quali Portogallo e Lituania hanno partecipato solo in qualità di osservatori. Oltre alle forze di terra italiane, la Germania ha inviato oltre 170 uomini di fanteria prendendo parte alle missioni congiunte, come l'integrazione delle forze di terra in diversi scenari di guerra simulata, uno dei punti focali di addestramento dell’Italian Blade di quest'anno. 
Di seguito l’elenco dei paesi partecipanti con annessi elicotteri utilizzati: 
4x AB 212 
4x A 109BA 
3x Mi 24V 
1x CH 53G 
4x NH 90TTH 
4x UH 1D 
1x Mi 17 
4x A 129CBT 
4x AB 212 
2x CH 47C/F 
4x NH 90TTH 
2x EH 101UTI/ASH 
1x AS 532AL
Austrian Air Force 
Belgian Air Force 
Czech Air Force 
German Army 
German Army 
German Army 
Hungarian Air Force 
Italian Army 
Italian Army 
Italian Army 
Italian Army 
Italian Navy 
Slovenian Air Force
L’Esercitazione è stata concepita per consentire agli equipaggi degli elicotteri di acquisire metodologie di formazione e conoscenze tattiche di altri Stati membri. A tale scopo gli equipaggi di differenti unità elicotteristiche delle Forze Armate Europee intervenute all’Italian Blade hanno effettuato missioni combinate simulando aree di crisi  ( CRO ) in uno scenario dinamico e molto realistico.  
Nell’Ambito della pianificazione per l’organizzazione dell’esercitazione con il previsto svolgimento nel mese di giugno 2015, presso il Centro Addestrativo Aviazione dell’Esercito (CAAE) in Viterbo, già il 7 ottobre 2014 ha avuto luogo la conferenza preparatoria (Initial Planning Conference) relativa all’esercitazione con il coinvolgimento e la partecipazione di tutte le delegazioni dei paesi partecipanti al fine di organizzare & preparare al meglio l’esercitazione. 
Durante tale incontro il comandante dell’Aviazione dell’Esercito, Gen. Antonio Bettelli, nel porgere il saluto di benvenuto a tutti i delegati ha voluto sottolineare l’importanza di queste attività congiunte che permettono di raggiungere elevati standard operativi ed accrescere, attraverso la conoscenza reciproca, anche la capacità di operare  insieme.  
Italian Blade 2015 è stata gestita (come anticipato precedentemente) dall’Aviazione Esercito (Reggimento Antares — Viterbo) come un’esercitazione multinazionale organizzata in ambito del Helicopter Exercise Programme (HEP) che è un progetto dell’Agenzia Europea per la Difesa attuato per consentire agli equipaggi europei di elicotteri militari di addestrarsi insieme adottando procedure comuni sviluppate anche con equipaggi misti con lo scopo di costituire una vera e propria “Task Force” in grado di intervenire efficacemente in vere e proprie situazioni di crisi. 
Durante le due settimane di esercitazione sono state testate le capacità degli equipaggi nelle operazioni combinate di Assalto aereo/Operazioni di Forze Speciali/Supporto aereo ravvicinato/Ricognizione e messa in sicurezza di obbiettivi. 
Analizziamo ora in maniera più approfondita le attività svolte: oltre all’addestramento al volo in impegnative condizioni ambientali, l'esercitazione è stata sviluppata per attuare la "Joint Interoperability Training" e fare quanto possibile per massimizzare l'integrazione delle attività di interoperabilità congiunta, tra cui Air Assault (AA), Special Operations Aviation (SOA), Combat  Service Support (CSS), Close Air Support (CAS), compresa l’Urban CAS ed Emergency CAS,  Combat Search and Rescue (CSAR), Personeel Recovery (PR),  Military / Non Military extractions (NEO Ops), Medical Evacuation (MEDEVAC) e Casualty Evacuation (CASEVAC). 
Da segnalare che nell’ambito dell’esercitazione è stato effettuato il primo rifornimento rapido di carburante e armamento (FARP) degli aeromobili con sistema elitrasportato. L’attività ha richiesto l’utilizzo dell’ICH 47F che permette di rifornire, contemporaneamente, grazie a serbatoi ausiliari interni, altri due aeromobili, dimostrando le sue capacità di rapidità e dispiegabilità, come richiesto dai nuovi scenari operativi. Il FARP (Forward Arming and Refuelling Point) effettuato con motore in moto nasce con l’obiettivo di supportare, nella maniera più veloce possibile, tutti gli elicotteri che necessitavo di rifornimento, un’operazione alquanto utile ed indispensabile al giorno d’oggi.
Italian Blade 2015 image 21
Italian Blade 2015 image 22
Italian Blade 2015 image 23
Italian Blade 2015 image 24
Italian Blade 2015 image 25
Italian Blade 2015 image 26
Italian Blade 2015 image 27
Italian Blade 2015 image 28
Italian Blade 2015 image 29
Italian Blade 2015 image 30
Italian Blade 2015 image 31
Italian Blade 2015 image 32
Italian Blade 2015 image 33
Italian Blade 2015 image 34
Italian Blade 2015 image 35
Italian Blade 2015 image 36
Italian Blade 2015 image 37
Italian Blade 2015 image 38
Italian Blade 2015 image 39
Italian Blade 2015 image 40
Italian Blade 2015 image 41
Italian Blade 2015 image 42
Italian Blade 2015 image 43
Italian Blade 2015 image 44
Italian Blade 2015 image 45
Italian Blade 2015 image 46
Italian Blade 2015 image 47
Italian Blade 2015 image 48
Italian Blade 2015 image 49
Italian Blade 2015 image 50
Italian Blade 2015 image 51
Italian Blade 2015 image 52
Italian Blade 2015 image 53
Italina Blade 2015 image 54
Italian Blade 2015 image 55
Italian Blade 2015 image 56
Italian Blade 2015 image 57
Italian Blade 2015 image 58
Italian Blade 2015 image 59
Italian Blade 2015 image 60
Lunedì 29 Giugno ho avuto l’opportunità di poter seguire da vicino le operazioni di decollo & atterraggio degli elicotteri dall’aeroporto di Viterbo; nel primo pomeriggio invece ho avuto l’onore io insieme ad altri fotografi/giornalisti specializzati del settore, di poter prendere parte ad una esercitazione presso il poligono di tiro di Tarquinia (50 km a Ovest di Viterbo) con tanto di elisbarco delle truppe d’assalto, combattimenti simulati a terra e in volo, Medevac & Combat Search and Rescue, dalla durata totale di circa 50 minuti. Durante tale esercitazione sono intervenuti in contemporanea un CH 53G Tedesco, un NH 90 dell’Esercito Italiano, un Mi 17 ungherese e un EH 101 della Marina Militare, con truppe d’assalto a bordo supportati in volo da due Mi 24V della Repubblica Ceca; 3 AB 212 austriaci (in ambito Medevac), un Cougar sloveno per il controllo e supervisione del territorio sottostante.
L'autore desidera ringraziare tutto il personale dell'AVES di Viterbo 
Testo di Omar Rigamonti 
Foto di Omar Rigamonti e Oscar Bernardi 
Prodotto da Giorgio Ciarini 
Giugno 2015 
iper://Contributors.aeh|0