iper://Homepage.aeh|0
iper://Portfolio_military.aeh|0
iper://typhoon_homepage.aeh|0
iper://Vintage_reports.aeh|0
iper://Contributors.aeh|0
iper://Publishes_works.aeh|0
iper://Civil_portfolio.aeh|0
 
NATO Tiger Meet 2018 Poznan
Per la prima volta in 58 anni di storia, il NATO Tiger Meet è andato in scena in un ex nazione del Patto di Varsavia. La 6^ Eskadra Lotnicza di stanza nella 31°esima Base Aerea tattica di Poznan-Krzesiny, ha ospitato l'evento tra il 14 e il 25 maggio. La Polonia è stata scelta come paese ospitante del NATO Tiger Meet poiché quest’anno, le forze aeree polacche stanno commemorando il proprio centenario di fondazione. 
Quattordici nazioni partecipanti hanno preso parte all’evento portando oltre 70 aerei ed elicotteri da ben 19 unità di volo diverse. Seguendo le tradizionali cerimonie di benvenuto, il programma di volo è iniziato con un briefing iniziale ed un “Air Tasking Order” assegnato per fornire ad ogni squadra partecipante il proprio programma di volo. La prima missione, iniziata nel pomeriggio di lunedì 14 maggio, è stata composta da un'operazione aerea combinata (COMAO) che comprendeva la maggior parte dei gruppi di volo. Nei giorni successivi, venivano eseguite di giorno in giorno due missioni di volo, con quelle COMAO che si svolgevano ogni mattina, mentre le missioni pomeridiane sono state dedicate ai voli “Shadow Wave” — queste ultime erano meno intense, e più inclini ad un addestramento di volo misto. 
Le missioni sono state composte da una serie di scenari, all'interno di un programma di formazione di volo corrispondente agli standard NATO. I primi aerei a decollare sono stati quelli da difesa aerea, che hanno volato in aree predeterminate al fine di istituire una Combat Air Patrol (CAP). Successivamente sono stati i cacciabombardieri a operare all’interno di determinate aree di bersaglio prima di simulare un combattimento aereo. Per aggiungere realismo, ogni scenario è stato progettato attorno a una situazione simulata in tempo di guerra. Oltre agli assetti ad ala fissa, sono stati inclusi anche una varietà di elicotteri per il supporto aereo, il trasporto del personale, ricerca e soccorso. Gli elicotteri sono intervenuti in siti predeterminati all'interno di aree di addestramento ben designate. È stata organizzata anche un’esercitazione dal profilo umanitario. Tutte le missioni COMAO sono state monitorate da una “sentinella” quale il Boeing E 3A della NATO, che ha volato durante il NTM dall'aeroporto di Poznan-Lawica. Un altro AWACS ha partecipato volando direttamente dalla base aerea di Geilenkirchen, in Germania,  mentre per quanto riguarda le missioni Shadow Wave, queste non includevano il coinvolgimento dell'AWACS. 
Ogni missione è stata pianificata e creata al fine di ottenere il massimo beneficio nell’addestramento di tutti i partecipanti. Dopo la pianificazione della missione, c’era un mass briefing, prima che ogni gruppo si riunisse per il proprio briefing individuale. L'obiettivo principale del NTM era di armonizzare le procedure operative e la formazione da parte delle diverse nazioni di tutta Europa. 
La vicinanza delle operazioni del NTM all'enclave russa di Kaliningrad ha permesso di monitorare le attività di volo da parte dei servizi di intelligence di quel paese. Poiché le missioni del Tiger Meet sono state eseguite a pochi minuti di volo dallo spazio aereo russo, servizi non specificati di intelligence e sorveglianza aerea della NATO hanno monitorato e spiato l'area russa di nascosto. Questa è stata la prima occasione in cui un esercitazione NATO su vasta scala è stato organizzata così vicino al confine con la Russia. Diversi spazi aerei sono state riservati alle operazioni di volo, in un’area che si estende da nord di Varsavia con un arco di spazio verso il Mar Baltico fino a nord di Danzica. Altri erano più vicini a Poznan. 
Anche quest’anno l’evento di Poznan è stato ben rappresentato, come da tradizione, dall'associazione che riunisce le Tigri della NATO, decorando uno o più velivoli per ciascun reparto partecipante. Solo due unità non hanno potuto seguire questa consuetudine. Tra quelli decorati ad opera d'arte c'erano tre Typhoon, tra cui quello del 74 TLG tedesco con la "tigre fantasma", il "142 Tiger" spagnolo e la Tigre del 12° Gruppo Italiano di Gioia del Colle. Due F 16 avevano insegne di tigre applicate sulle loro derive: le “Tigri del 31Sq ” del Belgio e l'Olanda che commemorava i 65 anni del 313° Squadron. Sull'F 16D della Grecia è stato inciso il “335 Moira” lungo il dorso, insieme a strisce bianche e nere applicate alla fusoliera. La nazione ospitante invece aveva due F 16C/D che mostravano strisce di tigre all'interno della mimetica grigia. Un terzo aveva una testa di tigre sulla coda, insieme a delle strisce nere dipinte sulla parte superiore della fusoliera. 
A causa di alcune circostanze, il 192 nci Filo turco e l'aviazione francese con gli Escadron de Chasse di Mont de Marsan, non hanno potuto inviare aerei, ma solo osservatori. Tuttavia la Flotille 11F dell’Aeronavale ha inviato diversi Rafale di cui uno rappresentato con un motivo di carattere tipicamente navale sulla coda. Tra i velivoli più vecchi presenti c'erano il trio di Tornado ECR della 51 Luftwaffengeschwader, di cui uno decorato con una grossa testa di tigre sulla deriva, e altri con motivi giallo/neri lungo la fusoliera e sui serbatoi sub-alari. Anche gli austriaci hanno inviato un paio di SAAB 105OE, uno dei quali mostrava la stessa grafica di coda del 2017. Almeno altri due Squadron hanno ancora utilizzato gli schemi dei Tiger Meet precedenti. 
Uno degli E 3A della NATO era contrassegnato da strisce tigrate di colore arancione e nero, anche se questo aereo ha operato solo dalla sua base, ed eseguendo un paio di passaggi alla fine delle sortite. Il 211 Tactical Squadron della Repubblica Ceca è stato rappresentato da due coloratissimi JAS 39 Gripen. Uno aveva una testa di tigre sulla coda, con un viso di donna sovraimpresso per metà, mentre il secondo era contrassegnato da un disegno rosso, bianco e blu rappresentante il centenario del reparto. 
Diversi elicotteri sfoggiavano schemi interessanti. I francesi come sempre non deludono mai, e quest'anno non ha fatto eccezione. L’ EHRA3 di Etain-Rouvres ha partecipato con un Gazelle SA.342M con la prua verniciata d'argento, ma con un'enorme tigre sulla parte posteriore della fusoliera, che si estendeva dal trave alla coda; la scritta "Bandit Nightmare" è stata poi applicata sulla trave di coda. Il 230° Squadron della RAF ha inviato un Puma HC.2 dipinto di un grigio pallido con strisce nere a forma di tigre e con un logo "RAF 100" per commemorare sia il centenario della RAF che quello del reparto. Il 21° Gruppo italiano ha partecipato con un HH 212ICO con una marcata grafica nera e gialla applicata sulla fusoliera. Su un lato del trave di coda c'era scritto "50 Anni a Grazzanise" e sull'altro "100 anni di gloria ". 
Oltre a beneficiare i membri del NTM, l’evento ha anche consentito al paese ospitante di utilizzare una serie di ulteriori assetti per l’addestramento nell'ambito di un'attività di integrazione multinazionale. Il coinvolgimento militare polacco comprendeva unità di difesa aerea e forze dell’Esercito. Tra queste ultime c'erano il Mi-8MT della 37° dlot di stanza a Leznica-Wiclka, e il W-3PL da Inowroclaw-Latkowo, che volavano a fianco degli elicotteri membri del NTM. 
Poznan-Krzesiny è una grande base aerea militare, trasformata dall'arrivo dei 1.500 addetti delle forze aeree partecipanti e dalla grande quantità di attrezzature necessarie per sostenere l'esercitazione. Inoltre sono stati fatti affluire centinaia di militari polacchi da quasi tutte le strutture dell'Aeronautica militare di tutto il paese. I militari polacchi devono essere orgogliosi per aver organizzato quella che è indiscutibilmente la più grande esercitazione annuale della NATO in Europa.  
È stato annunciato durante la cena formale del 19 maggio, che l'evento del 2019 tornerà in territorio “familiare”, presso la base aerea di Mont de Marsan, a maggio. Vista l'importanza del NTM, la pianificazione per il 2019 inizierà molto presto, già a partire dalla conclusione di questo evento.
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 1
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 2
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 3
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 4
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 5
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 6
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 7
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 8
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 9
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 10
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 11
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 12
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 13
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 14
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 15
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 16
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 17
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 18
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 19
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 20
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 21
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 22
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 23
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 24
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 25
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 26
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 27
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 28
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 29
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 30
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 31
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 32
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 33
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 34
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 35
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 36
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 37
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 38
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 39
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 40
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 41
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 42
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 43
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 44
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 45
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 46
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 47
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 48
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 49
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 50
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 51
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 52
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 54
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 55
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 56
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 57
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 58
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 59
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 60
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 61
Poznan NATO Tiger Meet 2018 image 62
L'autore desidera ringraziare il Capitano Grzegorz Jasianek e tutto il suo staff. 
Foto di Hans-Jürgen Breuer e Omar Rigamonti 
Testo di Hans-Jurgen Breuer 
Prodotto da Giorgio Ciarini 
Maggio 2018 
iper://Contributors.aeh|0
For the first time in its 58 year history, the NATO Tiger Meet was staged in a former Warsaw Pact nation. The 6th Eskadra Lotnicza (Fighter Squadron), which is part of the Poznan-Krzesiny 31 Tactical Air Base, hosted the event between May 14 and 25. Choosing Poland to organise the 2018 Meet was appropriate, as their Air Force was commemorating its'  centenary.   
Fourteen full NTM members attended, bringing more than 70 aircraft and helicopters from 19 flying units. Following the traditional welcoming ceremonies, the flying programme began with in-processing briefings and the Air Tasking Order allocated to provide each participating squadron with their flying programme. The first mission, which began on the afternoon of Monday May 14, was composed of a Combined Air Operation (COMAO) which included the majority of the squadrons. Thereafter, two flying missions were performed  each day, with the COMAO taking place each morning, while the afternoon sorties were devoted to Shadow Wave flights -  the latter being less intensive, and inclined more to mixed flying training. 
Missions were composed of a set of scenarios, within a familiar NATO training framework. First to launch were the air defence assets, which flew to their predetermined areas to establish a Combat Air Patrol (CAP). Next were the fighter/fighter bombers, which flew to their target areas before simulating combat. To add realism, each scenario was designed around a fictitious wartime situation.  In addition to fixed wing assets, a variety of helicopters were included for close air support, personnel transportation, scouting, and rescue.  The helicopters launched to land at predetermined sites within the designated training areas. A humanitarian relief background was also included. All COMAO missions were monitored by a NATO Boeing E 3A Sentry, which flew from Poznan-Lawica Airport. Another AWACS participated, flying from home station at Geilenkirchen Air Base, Germany.  The Shadow Wave missions did not include AWACS involvement. 
Each set of missions was planned and briefed by a different air arm, to derive maximum training benefit to all participants.  Following the Mission Planning, there was a mass briefing, before each squadron conducted their own individual brief.  The primary objective of the NTM was to harmonise operating procedures and training by differing nations from across Europe.   
The proximity of NTM 2018 operations to the heavily-fortified Russian enclave of Kaliningrad permitted flight activities to be monitored by the intelligence community of that country.  As Tiger Meet sorties were performed within a few minutes flying time from Russian airspace, unspecified NATO airborne intelligence and surveillance assets monitored the area covertly.  This was the first occasion that a large scale NATO exercise had been organised so close to the border of Kaliningrad.  Several airspace areas were reserved for flight operations, extending from north of Warsaw in an arc to the Baltic Sea north of Gdansk.  Others were located nearer to Poznan.   
The NATO Tiger Association tradition whereby participating squadrons decorate one or more of their aircraft was well represented at Poznan.  Only two units were not able to follow this practice.  Amongst those with attractive artwork were three Typhoons, including Germany's 74 TLG with their "Ghost Tiger," Spain's "142 Tiger" and Italy's 12° Gruppo Tiger.  Two F 16s had tiger patterns applied to their tails - Belgium's "31 Tigers," and the Netherland which was commemorating 65 years of 313 Squadron. Greece's F 16D was inscribed 335 Moira along the spine, together with black and white tiger stripes applied to the fuselage. The host nation had two F 16C/Ds displaying tiger stripes within the grey camouflage pattern. A third had a tigers head on the tail, along with black stripes painted over the upper fuselage.   
Due to circumstances, the Turkish 192 nci Filo, and the French Air Force could not send aircraft from either of the Escadron de Chasse at Mont de Marsan, but did send Observers. However the Aeronavale Flotille 11F brought several Rafales including one with naval related artwork on the tail. Amongst the oldest aircraft present were the trio of Tornado ECRs from Luftwaffengeschwader 51, including one decorated with a large tigers head on the fin, and other black/yellow patterns on the fuselage/underwing tanks.  The Austrians also sent a pair of SAAB 105OE's with one displaying the same tail artwork as 2017. At least two other squadrons were still displaying schemes from previous Meets.   
One of the NATO E 3s was marked with orange and black tiger stripes, although this aircraft only flew from home station, but did perform a couple of fly bys at the end of sorties. 211 Tactical Squadron from the Czech Republic was represented with two colourful Gripen JAS 39s. The tail of one had a tigers head on the tail, with a ladies face superimposed on one half, whilst the second was marked with a red, white and blue design for the units centenary.   
Several helicopters were sporting attractive schemes. The French never disappoint, with this year being no exception.. EHRA3 from Etain-Rouvres had an SA.342M Gazelle with the forward area painted silver, but with a huge tiger on the rear fuselage, extending along the boom to the tail.... The inscription 'Bandit Nightmare' was applied to the boom. 230 Squadron, RAF sent a Puma HC.2 painted pale grey with black stripes in a tiger pattern. This also had the "RAF 100" logo to commemorate both the Service and the Squadrons centenary. Italy's 21° Gruppo provided an HH 212ICO with much black and yellow artwork applied. On one side of the boom was "50 Years in Grazzanise" and on the other "100 Anni Nella Gloria" (100 years of glory).   
Apart from benefiting the NTM members, the Meet also enabled the host nation to employ a variety of additional assets for training within a multi-national exercise. Other Polish military involvement included air defence units and Army forces.  From the latter were Mi-8MTs from 37.dlot at Leznica-Wiclka, and W 3PLs from Inowroclaw-Latkowo, which flew alongside the NTM member helicopters.    
Poznan-Krzesiny is a large air base, which was transformed by the arrival of all the extra 1.500 personnel, and the vast amount of equipment needed to support the exercise. In addition, hundreds of Polish military personnel were drafted in from almost all the Air Force facilities across the country. The Polish military are to be congratulated for organising what is undisputedly the largest annual NATO exercise in Europe. It was announced at the formal dinner on May 19, that the 2019 event will return to familiar territory, as the French will stage at Mont de Marsan, possibly in May. Such is the importance of the NTM, that planning for 2019 will began very soon after the present event has finished.      
 
Participants - Member Squadrons  
Nation
Unit  
Home Station
Type  
Austria
Dusentrainerstaffel 1
Volger AB
Saab 105OE
Belgium
31 Smaldeel
Kleine Brogel AB
F 16AM/BM
Czech Republic
211 Takticka Letka
Caslav AB    
JAS 39C/D Gripen
 
221 Vrtulnikova Letka
Namest AB   
Mil Mi 24V
France
Flotille 11F
Landivisiau BAN
Rafale M
 
Escadrille d'Helicoperes de 
Reconnaissance et  d'Attaque no.3
Etin-Rouvres AB
SA.342M Gazelle  
Germany
Luftwaffengeschwader 51
Schleswig-Jagel AB
Tornado ECR
 
Luftwaffengeschwader 74  
Neuberg AB
EF 2000
Greece
335 Moira
Araxos AB
F 16C/D Block 52+
Hungary
1st Tact Fighter Squadron
Szentgyorgyi Dezso AB
JAS 39C/D Gripen
Italy
12° Gruppo  
Gioia del Colle AB
F 2000A Typhoon
 
21° Gruppo
Grazzanise AB
HH 212ICO
NATO  
1 Squadron
NATO AB Geilenkirchen
E 3A
Netherlands
313 Squadron  
Volkel AB  
F 16AM/BM
Poland
6th Eskadra Lotnicza
Poznan-Krzesiny AB
F 16C/D Block 52+
Spain
142 Escuadron
Los Llanos AB
Typhoon (C.16)
Switzerland
Fleigerstaffel 11
Meiringen AB
F/A18C/D
United Kingdom
230 Squadron
RAF Stn Benson
Puma HC.2
 
814 NAS
RNAS Culdrose
Merlin HM.2
External participants 
Germany GFD Hohn AB Lear Jet  
 
Observer Squadrons 
France Escadron de Chasse 1/30 and 3/30 Mont de Marsan AB    
Turkey 192 nci Filo Balikesir AB
The author would like to thank Captain  Grzegorz Jasianek and his media team for their outstanding help throughout the writers visit. 
Images by Hans-Jürgen Breuer and Omar Rigamonti 
Text by Hans-Jürgen Breuer 
Produced by Giorgio Ciarini 
May 2018